Museo dell’ Opera del Duomo Firenze


Galleria dell' Accademia : Michelangelo Buonarroti, David  

Il museo dell’ Opera del Duomo, nasce nel 1891 nei locali della Magistratura dell’Opera, un organismo creato alla fine del Duecento per sovrintendere alla costruzione di tutto il complesso religioso: Battistero, Cattedrale, Campanile. Dal Quattrocento, i locali furono usati come deposito del materiale scultoreo destinato alla cattedrale o da questa rimosso.Nel Cinquecento, Michelangelo scolpisce qui il suo David in quanto, secondo la commissione originaria, doveva essere collocato su uno sprone dei contrafforti della cupola del Duomo. Il museo è stato riaperto a fine 2015 dopo importanti lavori di ampliamento, resi possibili grazie all’acquisizione di nuovi spazi, in particolare dell’annesso ex Teatro degli Intrepidi.
La quantità e qualità di capolavori qui esposti è sorprendente.

Museo dell'Opera del Duomo: l’antica facciata medievale di Arnolfo di Cambio, autore del progetto della Cattedrale. Scala 1/1
 

Nella Sala del Paradiso, è stata ricreata, in scala 1/1, la piazza delimitata da: l’antica facciata medievale di Arnolfo di Cambio, autore del progetto della Cattedrale e di altri importanti monumenti fiorentini che resero grande Firenze nel XIII secolo. Grazie ad un disegno dell’epoca, molte statue sono state collocate nelle loro posizioni originarie. Bellissima è la Maestà dagli occhi di vetro di Arnolfo e le statue dei quattro Evangelisti, tra i quali, spicca San Giovanni Evangelista di Donatello.

Museo dell'Opera del Duomo: Ghiberti, Porte del Paradiso. Saba e Salomone, incontro davanti alla porta del tempio di Gerusalemme.
 
 

La porta del Battistero, definita da Michelangelo “del Paradiso”, ad opera di Lorenzo Ghiberti che, molto orgogliosamente, vi ha apposto firma e autoritratto.

Museo dell'Opera del Duomo: Donatello, Maria Maddalena Penitente, una scultura in pioppo bianco leggermente dorata.
 
 

La Maddalena Penitente, di Donatello, suscita nel visitatore forti emozioni di pietà, una Maddalena “…consumata dai digiuni e dall’astinenza…”, secondo Giorgio Vasari.

Museo dell'Opera del Duomo: Michelangelo Buonarroti - Pietà Bandini, Opera tarda del grande maestro fiorentino.
 

La Pietà, che il “divino” Michelangelo scolpì in tarda età, è la sintesi della travagliata vita del maestro. In uno dei suoi momenti di estasi, aveva raccolto la sfida di cimentarsi con un marmo difettoso e, in uno dei tanti momenti di tormento, l’aveva mutilata, abbandonandola. In Nicodemo, il personaggio che sorregge il corpo di Cristo, Michelangelo scolpisce il proprio struggente autoritratto.

Opera del Duomo formella Campanile di Giotto.
 

Nella galleria del Campanile, sono esposte le formelle e le statue originali provenienti dal Campanile, tradizionalmente attribuito a Giotto.
Le 28 formelle e le 16 statue, rappresentano il processo di elevazione dell’anima e dello spirito dell’uomo, dal peccato originale fino ad arrivare alla rivelazione di Dio.

Fatti Accompagnare da una Guida Turistica Autorizzata Firenze. La cultura è un investimento, inoltre potresti spendere meno di quello di pensi.

Tempo indicativo per visitare il Museo dell’ Opera del Duomo di Firenze: 1 ora e mezzo.
Vuoi visitare il Museo dell’ Opera del Duomo di Firenze? Una Guida Turistica Autorizzata di Firenze Vi aspetta. Nel biglietto di ingresso sono compresi: l’ingresso al Battistero, a Santa Reparata, alla Cupola e al Campanile. Se vi interessasse un approfondimento potete consultare l’articolo relativo Approfondisci

Naturalmente siamo disponibili ad assistervi anche per queste visite. Contattateci senza impegno, oppure fatevi un’idea su i costi, Vi attendiamo. Fatevi una idea su i costi